DOP e IG d’Europa: Lussemburgo

Quali sono i vini DOP e gli spirits IG d’Europa? Anche in Lussemburgo c’è un vino a marchio DOP. Info generali ed elenco completo.


Da anni l’Unione Europea lavora per uniformare i sistemi di riconoscimento e tutela dei prodotti a marchio di qualità dei suoi singoli Stati membri.


[si legge, più o meno, in: 4 minuti]

Tralasciando i cibi, in materia di bevande alcoliche le norme comunitarie per il riconoscimento sono ormai chiare e anche ben descritte sui canali di informazione istituzionali. Abbiamo iniziato questo approfondimento quendo ancora non era stato completato l’iter per l’approvazione del nuovo Regolamento di tutela IG dell’Unione. Con le nuove norme, anche gli spirits (tema da sempre a noi molto caro) potranno beneficiare della protezione al pari dei cibi e dei vini.

Conoscere le bevande a indicazione geografica europee, significa avvicinarsi ai territori e alle tradizioni dei popoli. Mesi fa ci siamo quindi chiesti quanta consapevolezza ne avessero i nostri lettori e abbiamo quindi voluto aprire questa finestra elencando tutte le bevande a marchio registrate in Unione Europea, limitandoci alle sole DOP per i vini ed estendendo l’elenco agli alcolici a marchio IG.

Prodotti di eccellenza che fanno mercato soprattutto per quei Paesi come il nostro per cui “origine” significa alto livello qualitativo, tradizione, valore economico e garanzia da difendere. Per l’Italia è indubbiamente un settore strategico, una catena integrata di attività che lega l’enogastronomia ai tre settori dell’economia e riesce a rappresentare ed esportare il grande valore del made in Italy (termine abusato ma sempre attualissimo).

Siamo partiti proprio dall’Italia con un elenco lunghissimo di quasi 450 prodotti fra vini DOP e spirits IG (oltre il 30% del totale UE), abbiamo poi proseguito con i Paesi confinanti e adesso ci stiamo girando pian piano il continente (questo è il link per rivedere i pubblicati).


Qualità tutelata in UE

A oggi sono complessivamente 1462 le bevande europee di nostro interesse DOP e IG con i disciplinari già registrati o pubblicati in via di registrazione. Ce ne sono però ancora una ventina, di provenienze varie, in attesa di essere approvati (la maggior parte proposti nell’ultimo biennio). Il che significa una forte e continua spinta verso la tutela da parte di ogni Stato membro.


Elencheremo oggi i vini DOP e le bevande spiritose IG del Lussemburgo (guarda subito l’elenco) precedute da alcune info sintetiche. Prima dell’elenco, un piccolo recap chiarificatore sul significato e la differenza fra i marchi DOP IGP e IG.

Il fatto che sia uno Stato di circa 2600 km2 dell’Europa continentale non lo esclude dalla nostra ricerca. Vero è che può vantare solo 1 bevanda a indicazione geografica (un vino DOP e nessuna IGP o spirit IG) ma con i suoi poco più di 1200 ettari vitati (dato 2023), il Lussemburgo coltiva la vite più del Belgio e dei Paesi Bassi.

Siamo certi che, anche solo per vostra curiosità personale, apprezzerete.


DOP, IGP e IG: le differenze

Le indicazioni geografiche stabiliscono diritti di proprietà intellettuale per prodotti specifici, le cui qualità sono specificamente legate alla zona di produzione. Prima di elencare le bevande a marchio DOP IG del Paese preso oggi in esame, facciamo un piccolo recap legislativo/informativo ricordandovi quanto riporta il MASAF:

La Denominazione di Origine Protetta è un nome che identifica un prodotto originario di un luogo, regione o, in casi eccezionali, di un determinato Paese, la cui qualità o le cui caratteristiche sono dovute essenzialmente o esclusivamente ad un particolare ambiente geografico ed ai suoi intrinseci fattori naturali e umani e le cui fasi di produzione si svolgono nella zona geografica delimitata.

mentre

L’Indicazione Geografica Protetta è un nome che identifica un prodotto anch’esso originario di un determinato luogo, regione o paese, alla cui origine geografica sono essenzialmente attribuibili una data qualità; la reputazione o altre caratteristiche e la cui produzione si svolge per almeno una delle sue fasi nella zona geografica delimitata.

Le differenze fra DOP e IGP sono quindi legate principalmente alla provenienza di materie prime o alla misura in cui il processo produttivo si svolge nella determinata regione. L’IG è specifica per le bevande spiritose e i vini aromatizzati.

L’Unione Europea, che dal 2020 ha creato un apposito registro digitale, ha emanato da anni delle norme che accomunano i suoi Paesi proteggendone tutti quei prodotti che godono di qualità peculiari per provenienza, tradizione e qualità.

Le indicazioni geografiche comprendono:

  • DOP – Denominazione di origine protetta (prodotti alimentari e vini)
  • IGP – Indicazione geografica protetta (prodotti alimentari e vini)
  • IG – Indicazione geografica (bevande spiritose e vini aromatizzati).

foto: Waldo Miguez

Fermo restando che ogni Paese può ulteriormente legiferare all’interno delle normative UE senza creare conflitto (l’esistenza sulle nostre tavole dei vini sottocategorizzati DOCG e DOC ne sono la dimostrazione) ecco la definizione delle varie indicazioni secondo l’UE:

I nomi di prodotti registrati come DOP sono quelli che hanno i legami più forti con il luogo dal quale provengono.

Specifiche:
Ogni parte del processo di produzione, trasformazione e preparazione deve avvenire nella regione specifica. Per i vini ciò significa che le uve devono provenire esclusivamente dalla zona geografica in cui il vino è prodotto.
Etichetta: obbligatoria per i prodotti alimentari e agricoli, opzionale per il vino.


L’IGP sottolinea la relazione fra la regione geografica specifica e il nome del prodotto, quando una qualità specifica, una determinata reputazione o un’altra caratteristica particolare sono essenzialmente attribuibili all’origine geografica.

Specifiche:
Per la maggior parte dei prodotti, nella regione deve aver luogo almeno una delle fasi di produzione, lavorazione o preparazione. Per i vini ciò significa che almeno l’85% dell’uva utilizzata deve provenire esclusivamente dalla zona geografica in cui il vino è effettivamente prodotto.
Etichetta: obbligatoria per i prodotti alimentari e agricoli, opzionale per il vino.


L’IG protegge il nome di una bevanda spiritosa o di un vino aromatizzato originari di un paese, una regione o una località in cui una qualità particolare, la reputazione o altre caratteristiche del prodotto sono essenzialmente attribuibili alla sua origine geografica

Specifiche: Per la maggior parte dei prodotti, nella regione deve aver luogo almeno una delle fasi di distillazione o preparazione. Tuttavia, non è necessario che i prodotti crudi provengano dalla regione.
Esempio: L’Irish Whiskey IG viene prodotto, distillato e fatto invecchiare in Irlanda fin dal 6º secolo, ma le materie prime non provengono esclusivamente dall’Irlanda.
Etichetta: opzionale per tutti i prodotti.

A completamento di informazione, aggiungiamoci pure l’indicazione STG, la Specialità Tradizionale Garantita (solo per prodotti alimentari e agricoli) che:

evidenzia aspetti tradizionali quali il modo in cui il prodotto viene ottenuto o la sua composizione, senza essere collegata a una zona geografica specifica. Un prodotto registrato come STG ne protegge il nome da falsificazioni e abusi.

Esempio: La Gueuze STS è una birra tradizionale ottenuta con un processo di fermentazione spontanea. È generalmente prodotta a Bruxelles e nelle zone limitrofe, in Belgio. Tuttavia, trattandosi di una STG, il metodo di produzione è protetto, ma la birra potrebbe essere prodotta altrove.
Etichetta: Obbligatoria per tutti i prodotti.


Lussemburgo: info generali

(dati indicativi, passibili di lievi inesattezze)

Superficie (km2):2.595
Abitanti (ca.)660.809
Ingresso in UE:1958
Ettari vitati (ca.)1.210
Vini DOP registrati o pubblicati1
Spirits IG registrati o pubblicati0
Vini e spirits in attesa di approvazione UE0
Link di interesse
Enti e Associazioni di tutela
IVV
FLVS
foto: Gintare Kairaityte

Lussemburgo – vini DOP e spirits IG

[legenda]
reg.: registrato UE – pub.: pubblicato, in attesa registrazione UE – ric.: domanda presentata a UE

NB: per ragioni di spazio sono state omesse alcune menzioni relative a DOP o IG registrate con più idiomi in terre di confine

[aggiornamento: maggio 2024]

vini DOP: 1

Moselle Luxembourgeoisereg.18/09/73

spirits IG: 0


foto: Milpek

Presto, un nuovo appuntamento con i vini DOP e spirits IG dall’Europa.



altri articoli su DOP e IG Europa

torna in alto

fonte: eAmbrosia – European Commission
spiritoitaliano.net © 2020-2024