Vitae 2020: i migliori vini

Un nuovo decennio sta per aprirsi davanti a noi, le riflessioni e le speranze si ripetono e, fra nuove nostalgie e rinnovate ambizioni, abbiamo quantomeno la certezza che in questi anni ‘10 il mondo dell’enogastronomia è stato al centro del dibattimento mediatico; forse oltremodo inflazionato ma sempre più tema di apprendimento culturale, il segreto di questo suo successo in momenti di recessione sta principalmente nell’interesse per la sana e buona alimentazione.

Il vino è espressione di un universo fatto di esperienze prima ancora che di gusto e l’innegabile e inarrestabile scalata verso l’apice della qualità lo ha reso, anche in questi ultimi dieci anni, assoluto primattore della tavola e dei momenti di piacevolezza fuori casa.

Una qualità che cresce regolarmente e anche organi autorevoli come Associazione Italiana Sommelier lo confermano attraverso pubblicazioni di settore e compendi che accertano l’innalzamento del “valore vino” nel numero dei prodotti di altissimo pregio in crescita costante.

La guida Vitae è il prontuario ideale per gli appassionati di vino e dell’abbinamento, una selezione fra circa 30.000 prodotti italiani fra cui oltre 600 premiati con il massimo riconoscimento delle “quattro viti”. Interessantissime le schede descrittive aziendali così come utili si rivelano al lettore le attestazioni “salvadanaio” per i vini dall’ottimo rapporto qualità-prezzo, “freccia di Cupido” per quelli che emozionano al primo sorso e poi il Tastevin AIS, prestigioso premio (uno per regione) conferito a chi rappresenta un modello di riferimento di valore indiscusso nella rispettiva zona.

il Presidente del Consiglio Conte alla presentazione di Vitae 2020 (foto E. Grillotti e G. Antonini)

Nuova sezione dedicata alla produzione di olio extravergine d’oliva ma soprattutto pagine che parlano di sostenibilità ambientale e clima con galleria fotografica incentrata sulle nuvole.

Non poteva quindi che essere la scenografica Nuvola di Fuksas, nel Roma convention center, il luogo più idoneo per la presentazione alla stampa e per la straordinaria degustazione dei migliori vini italiani valutati in guida e da noi ulteriormente selezionati per i vostri prossimi momenti di festa natalizia in attesa del 2020.

il centro congressi La Nuvola (foto E. Grillotti e G. Antonini)

Leggetevi la guida, disponibile anche in app, e uscite da questo decennio allontanandovi anche dai soliti schemi accogliendo i vostri cari con aperi-stuzzichini e le bollicine di un Oltrepò pavese metodo classico o un Lessini Durello.

Se volete cenare a base di pesce e attraversare idealmente il nostro “belpaese” da nord a sud, dal primo piatto al pre-dessert, scegliete un Lugana, un Trebbiano d’Abruzzo e un Fiano d’Avellino.

Se invece vi sentite carne-dipendenti partite da un Teroldego trentino, lasciate che il Lambrusco emiliano bagni da tradizione il cotechino con le lenticchie e poi esaltatevi con un Brunello di Montalcino, magari proprio il Poggio alle mura riserva 2013 di Banfi che Vitae ha indicato come il vino toscano da premiare con il Tastevin AIS.

la degustazione delle Eccellenze (foto E. Grillotti e G. Antonini)

Chiusura, condivisa, con bollicine di un Moscato d’Asti in abbinamento a dessert cremosi oppure, per frolle e dopocena, il tradizionale Vin Santo che creerà ancor più la giusta atmosfera ricordando i piacevoli momenti del passato e rendendo dolci l’attesa e le aspettative per i prossimi anni ’20.

Ecco l’elenco dei vini premiati con le 4 viti da Vitae 2020

condividi l'articolo su:

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *