video-intervista: f.lli brunello

Nuova intervista a distanza alla scoperta del mondo della distillazione italiana di qualità. Veneto protagonista con l’esperienza ultrasecolare della Distilleria Fratelli Brunello. Comunque vicini! è la storia, l’odierno, la filosofia e il pensiero delle distillerie italiane rimanendo in contatto con loro nonostante la carenza di eventi e l’estrema difficoltà per le visite in azienda.

Interviste video a distanza che danno voce ai protagonisti in questo difficile momento. Informazioni preziose da ascoltare tutte d’un fiato.


Lo spirito delle nostre interviste non pretende certamente un’alta risoluzione video ma si prefigge l’alta qualità informativa assieme alla spontaneità.

Un progetto che dà visibilità all’impegno e al valore dello spirito concentrato made in Italy spaziando dalla produzione alle tendenze passando per il sociale.


Dal 1840, quella della Fratelli Brunello è considerata la più antica distilleria artigianale d’Italia pur avendo assunto l’attuale denominazione sociale nel 1951. Condotta oggi dalla IV^ generazione familiare, è stato proprio Paolo Brunello a “prenderci per mano” in questo viaggio a distanza.


Una descrizione minuziosa dei processi produttivi e tanti aneddoti che hanno segnato storia e successi della distilleria a partire dal premio che nel 1910 le fu riconosciuto per qualità alla Fiera agricola e industriale di Padova. La Fratelli Brunello di Montegalda (VI) compie quest’anno 180 anni tondi tondi festeggiati anche con una Grappa riserva celebrativa.

Grappa Fior d’Arancio millesimata 2015, Grappa riserva La scura millesimata 2015 e la novità Gin CR42 Falco dedicato al mitico aereo Fiat su cui volava il pilota Giandomenico Brunello, padre di Paolo, in tempo di guerra. Sono stati questi i prodotti selezionati per spiritoitaliano.net



3 linee di gamma distinte (le Origini, i Talenti, i Classici) non per qualità ma per aspettative del consumatore. Grande è stato il contributo di Paolo Brunello, non solo produttore ma anche esperto assaggiatore ed efficace comunicatore.


Grazie per averci raccontato la storia, il sistema di produzione, l’attività in questi tempi difficili e averci presentato alcuni dei gioielli di famiglia.


riproduzione riservata ©


condividi l'articolo su:

Paolo Bini è giornalista iscritto all’Albo Pubblicisti; si è laureato in Informatica all’Università degli Studi di Firenze, città dove è nato nel 1971. L’amore per la storia, il gusto e la cultura enoica toscana lo portarono, a fine anni ʼ90, a intraprendere percorsi verso la conoscenza del vino. Oggi è sommelier professionista, degustatore ufficiale e relatore per Associazione Italiana Sommelier per cui svolge docenza ai corsi toscani e fuori regione per la formazione dei futuri sommelier AIS. Scrive e collabora per riviste generaliste e di settore, è anche chocolate taster per Compagnia del Cioccolato, assaggiatore e relatore per ANAG, l’associazione italiana vicina al mondo dei distillati. Curatore editoriale per spiritoitaliano.net.