spirito e forma: all’OktoberFest


L’Oktoberfest: un tuffo al cuore!

SPIRITO E FORMA


Considerazioni sull’articolo riguardante il
“Consumo di alcol, tachicardia sinusale e aritmie cardiache all’Oktoberfest di Monaco: risultati del Munich Beer Related Electrocardiogram Workup Study (MunichBREW [1].)”
pubblicato nel 2017 sul European Heart Journal


Un luogo di cultura interalcolica e spirituale come il nostro non poteva non dedicare uno spazio riservato agli effetti (talvolta molto benefici altre volte un po’ meno) che l’alcol ha sul nostro stato d’animo e sul nostro fisico.


[si legge (più o meno) in: 5 minuti]


Andare oltre il calice significa uscire dall’insieme stereotipato di una comunicazione “pret-a-poster” dove l’immagine e la mera recensione di un prodotto giocano un ruolo esclusivo e, alla lunga, oltremodo ripetitivo ed estenuante.

Non è semplice riuscire a trasmettere un messaggio originale ma oggi più che mai è necessario cercare di farlo per non cadere nell’estrema semplificazione di un mondo, quello degli spirits in genere, che ha storia millenaria, tradizione leggendaria e unisce la cultura al sano edonismo.


foto: Jörg Buntrock by Pixabay

Con il dott. Angelo Placci (benvenuto doctor!) andremo a scovare, fra articoli scientifici, epiche tradizioni e curiosità sia note che nascoste, quelle informazioni che uniscono o hanno legato l’alcol alla salute psicofisica.


Orfani quest’anno del suo folclore, vogliamo partire con questa rubrica “spirito e forma” ricordando l’Oktoberfest che solitamente in questi giorni colorava le strade di Monaco di Baviera. Nel 2015 alcuni medici dell’ospedale universitario di Monaco esaminarono il ritmo cardiaco dei partecipanti alla manifestazione per capire meglio gli effetti istantanei dell’alcol sul cuore.
Buona lettura!

[ndr]


foto: Sebastian Lehner© – oktoberfest.de

I disturbi del ritmo cardiaco (aritmie) sono una condizione molto frequente nella vita di una persona. I sintomi sono molto variabili come gravità, andando dal semplice “tuffo al cuore” alla vertigine, dalla palpitazione alla sincope, fino all’arresto cardiaco.

La regina di tutte le aritmie è la fibrillazione atriale (FA) che influenza in modo significativo la qualità e la durata della vita.


L’alcool ha effetti cardiovascolari ben noti. Tuttavia, la maggior parte della ricerca si è sempre concentrata sugli effetti benefici (il “paradosso francese“) del consumo moderato o sulla tossicità cronica, come la cardiomiopatia dilatativa, associata a un consumo elevato per un periodo prolungato (cardiomiopatia per fortuna reversibile).


foto: Sebastian Lehner© – oktoberfest.de

L’associazione tra ingestione acuta di alcol ed insorgenza di aritmie cardiache è stata segnalata in letteratura scientifica per la prima volta nel 1978 quando il dr. Ettinger coniò la definizione di “Holiday Heart Syndrome”.

Il termine origina dal fatto che i quadri clinici da abuso acuto di alcol alcolico si osservano più frequentemente nel weekend o nei giorni festivi quando la gente è più propensa ad “alzare il gomito”.


Dalla descrizione originale di questa sindrome, sono passati molti anni e nuove ricerche in questo campo hanno aumentato il volume delle conoscenze relative a questa condizione.


foto: Sebastian Lehner© – oktoberfest.de

Tuttavia, la vera prevalenza delle aritmie (numero di casi per persone valutate) dopo l’ingestione acuta di alcol non era nota poiché questi studi erano limitati dalla piccola dimensione del campione e da elementi confondenti nella selezione dei soggetti da studiare.

Durante l’Oktoberfest di Monaco del 2015, alcuni medici dell’ospedale universitario di Monaco hanno avuto l’intuizione (pare dinanzi ad un boccale di birra) di esaminare il ritmo cardiaco di 3028 partecipanti alla manifestazione.


foto: Sebastian Lehner© – oktoberfest.de

Lo studio, denominato MunichBREW, aveva lo scopo di correlare le anomalie rilevate alle registrazioni elettrocardiografiche (ECG) di 30 secondi basate su smartphone con i valori di concentrazione di alcol nel respiro.

Sono stati esclusi dallo studio soggetti con concentrazione alcolica nel respiro superiore a 3.00 g/kg in quanto considerati incapaci di rilasciare autorizzazione per il consenso alla partecipazione allo studio (comunque “solo 4” individui esclusi).

L’età media della popolazione in studio era di 35 anni e un terzo era di sesso femminile.


risultati:


L’ampia dimensione del campione esaminato ha reso questo studio il più grande mai eseguito di quelli che hanno affronta il rapporto tra consumo acuto di alcol e aritmie cardiache:

  • Il livello medio di alcol nel respiro era di 0,85 ± 0,54 g/kg.
  • Un terzo dei partecipanti che avevano bevuto aveva disturbi del ritmo.
  • La tachicardia sinusale era la più comune (25,9%), seguita da aritmia sinusale (1,7%), complessi ventricolari prematuri (1,7%), complessi atriali prematuri (1,3%) e fibrillazione atriale o flutter atriale (0,8%).
  • La probabilità di incorrere in disturbi del ritmo cardiaco aumentava di 1,75 volte per ogni aumento di 1g/kg della concentrazione di alcol nell’aria espirata. Questa relazione era in gran parte associata ad una semplice tachicardia sinusale (innocua), poiché non vi era alcuna relazione tra i livelli di alcol nel respiro e il rischio di altre aritmie, in particolare di fibrillazione atriale.
  • Non vi era inoltre differenza di incidenza di disturbi del ritmo tra soggetti di sesso maschile e femminile.

Come detto solo nello 0,8% è stata diagnosticata la fibrillazione atriale.

Questo dato confortante può essere motivato dall’età giovane dei partecipanti, una parte significativa dei quali aveva livelli di alcol molto basso e l’altra motivazione è che il ritmo cardiaco veniva esaminato per soli 30 secondi.

In base ad altri studi, si pensa che il consumo acuto o cronico di birra potrebbe non essere associato al rischio di fibrillazione atriale: pare che questa sia indotta oltre che dai livelli di alcolemia anche dalla tipologia di alcol ingerito, ma non vi sono dati definitivi al riguardo. [2,3]


foto: Sebastian Lehner© – oktoberfest.de

Una considerazione importante emersa da questo studio è stata quella che monitoraggio ECG può essere conveniente e di alta qualità tramite smartphone e dispositivi indossabili: è stato lo studio “precursore” di altri che hanno certificato la fattibilità di queste misurazioni anche tramite gli smartphone o gli orologi dedicati (il primo di tutti è stato l’Applewatch).

Questo può dare la possibilità di estendere il monitoraggio e potenziare lo screening delle aritmie nella popolazione generale.


Lasciatemi infine aggiungere queste mie note personali per un vostro ulteriore spunto di riflessione:

  • Nel 2015 l’Oktoberfest ha ospitato 5,9 milioni di visitatori che hanno consumato 7,5 milioni di litri di birra.
  • Nonostante le condizioni di registrazione avverse, più del 99,5% degli elettrocardiogrammi avevano una qualità del tracciato ottima.
  • I moderni registratori del ritmo da polso funzionano bene.

foto: Sebastian Lehner© – oktoberfest.de

riferimenti bibliografici


  1. Brunner S, Herbel R, Drobesch C, Peters A, Massberg S, K€a€ab S, Sinner MF. Alcohol consumption, sinus tachycardia, and cardiac arrhythmias at the Munich Octoberfest: results from the Munich Beer Related Electrocardiogram Workup Study (MunichBREW). Eur Heart J 2017;38:2100–2106.
  2. Larsson SC, Drca N, Wolk A. Alcohol consumption and risk of atrial fibrillation: a prospective study and dose–response meta-analysis. J Am Coll Cardiol 2014;64:281–289.
  3. Holle R, Happich M, Lowel H, Wichmann HE, Group MKS. KORA–a research platform for

riproduzione riservata ©




condividi l'articolo su:

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *