numeri 1 in video: valle del marta


Verso il 2021 con ottimismo e con i numeri 1 dell’alto grado italiano, in video a distanza

VALLE DEL MARTA


La falsa partenza in questa nuova decade sta lentamente scivolando alle nostre spalle. Ripartiamo da 1, dal 2021, con ottimismo e spirito positivo.


si legge (più o meno) in: 6 minuti


Il nuovo format di video a distanza con Paolo Bini mette al centro il numero 1 come simbolo di vera partenza, di rilancio e di eccellenza.


Dieci minuti di interazione con 1 risposta ad ogni domanda. Protagonista oggi l’azienda laziale Valle del Marta di Tarquinia (VT)




Ripartiamo dai Numeri 1 è la sintesi dell’attività delle migliori distillerie italiane, contestualizzate nel loro luogo di lavoro.

Un’occasione per rimanere in contatto con le distillerie italiane e un’idea, attraverso i loro prodotti, per vivere serenamente le Feste e festeggiare l’arrivo del 2021, anno di ripartenza.


Momenti significativi della loro storia ma anche i momenti più emozionanti vissuti nel tempo dagli stessi interlocutori.


Dieci minuti alla scoperta di:

  • 1 luogo
  • 1 attività
  • 1 momento importante
  • 1 momento del cuore
  • 1 prodotto del cuore
  • 1 prodotto per vivere Feste e ripartenza 2021

L’azienda Valle del Marta di Tarquinia (VT) si è in realtà sviluppata per accogliere i suoi ospiti all’interno della sua importante struttura agrituristica.

Produzione agricola, vinicola e poi suggestivo relais immerso nella natura e negli epici luoghi dell’antica Etruria.


In azienda ha sempre rivestito un ruolo centrale la produzione di liquori che però, molto recentemente, si è evoluta anche nella distillazione.

Grande risonanza ha avuto la vittoria ottenuta al San Francisco World Spirits Competition, una Gold medal che ha stuzzicato fortemente anche il nostro interesse e la volontà di intervistare i protagonisti di Valle del Marta, sita in una regione (il Lazio) quasi mai al centro delle cronache per essere protagonista nell’arte distillatoria.


Lo spirito delle nostre interviste non pretende certamente un’alta risoluzione video ma si prefigge l’alta qualità informativa assieme alla spontaneità.


Un progetto che dà visibilità all’impegno e al valore dello spirito concentrato made in Italy spaziando, con empatia, dalla storia, ai luoghi, alla produzione attuale.


Nei 10 minuti di intervista, Mario Pusceddu (titolare assieme al fratello Franco) ci ha sinteticamente raccontato, con grande cordialità ed empatia, il percorso intrapreso negli anni e la realtà odierna.

Valle del Marta sente fortemente il legame con l’antico passato e la valorizzazione di tutti quegli aspetti che uniscono storia, territorio, turismo e benessere di qualità.



Sapete come è nato il super-premiato Brandy Numa oltre 25 anni fa? Quasi per caso e, nell’intervista a distanza, Pusceddu ci ha parlato con franchezza di quella scelta che oggi si è mostrata altamente vincente.


In più, guardate in video cosa ha pensato Valle del Marta per meglio raccontare il loro Amaro Tarquinia agli appassionati!

Un ologramma digitale attivabile attraverso una app dal telefono… idea davvero curiosa e didattica.


Per Mario Pusceddu:

  • il prodotto del cuore è il Brandy Numa 25 anni
  • il prodotto degli auguri è l’Amaro Tarquinia


Grazie per averci raccontato i luoghi, l’attività, i momenti rappresentativi e averci presentato alcuni gioielli di famiglia con cui ripartire con fiducia verso il 2021.


Torna in alto


foto: gentile concessione Valle del Marta
riproduzione riservata ©



condividi l'articolo su:

Paolo Bini è giornalista iscritto all’Albo Pubblicisti; si è laureato in Informatica all’Università degli Studi di Firenze, città dove è nato nel 1971. L’amore per la storia, il gusto e la cultura enoica toscana lo portarono, a fine anni ʼ90, a intraprendere percorsi verso la conoscenza del vino. Oggi è sommelier professionista, degustatore ufficiale e relatore per Associazione Italiana Sommelier per cui svolge docenza ai corsi toscani e fuori regione per la formazione dei futuri sommelier AIS. Scrive e collabora per riviste generaliste e di settore, è anche chocolate taster per Compagnia del Cioccolato, assaggiatore e relatore per ANAG, l’associazione italiana vicina al mondo dei distillati. Curatore editoriale per spiritoitaliano.net.