montalcino: effetto chablis


Montalcino è corsa ai ripari per proteggere le viti dal gelo improvviso. Effetto scenico da suggestione.


La gelata improvvisa probabilmente non lascerà segni importanti ma i vignaioli sono dovuti correre ai ripari organizzandosi per proteggere il futuro raccolto e regalando un’emozione visiva insolita e, al tempo stesso, di alto impatto.


[si legge (più o meno) in: 1 minuto]


Un effetto scenico che ha ricordato a molti quello tradizionale di Chablis per combattere le gelate primaverili e avvenuto anche pochi giorni fa.


I vigneti di Chablis il 6 aprile scorso • © Titouan Rimbault – fonte: francetvinfo.fr

Montalcino, come buona parte dell’Italia, è stata sorpresa dall’abbassamento inaspettato delle temperature e la posta in palio è certamente troppo alta, indipendentemente da tutto.


credits: Consorzio del vino Brunello di Montalcino

L’abbassamento della temperatura sotto lo zero ha colpito le vigne “a macchia di leopardo”, il Consorzio del vino Brunello di Montalcino ha tenuto a raccontare l’accaduto e a diffondere una complessiva serenità attraverso le parole del presidente Fabrizio Bindocci: «Questa mattina all’alba la temperatura è scesa sotto lo zero ma i danni sono limitati: buona parte delle gemme sono ancora dormienti e per le altre ci affidiamo a una seconda germogliazione. Il danno c’è stato ma la seconda vegetazione rimetterà in parte le cose a posto».



Nel frattempo, alcuni produttori si sono mossi per scaldare l’aria bruciando grandi rotoli di paglia posizionati nei vigneti. L’obiettivo è generare fumo e calore a bassa altezza bruciando lentamente la paglia bagnata.


credits: Consorzio del vino Brunello di Montalcino

Il risultato visivo è stato indubbiamente suggestivo, Montalcino comprenderà meglio anche quello sui vigneti fra qualche giorno.





Torna in alto


fonte: Ufficio stampa Consorzio del vino Brunello di Montalcino

spiritoitaliano.net © 2020-2021



condividi l'articolo su:

a cura della redazione di spiritoitaliano.net