moio eletto presidente oiv


Luigi Moio è il nuovo Presidente di Organisation Internationale de la Vigne et du Vin.


Il terzo italiano dopo Mario Fregoni e Pier Giovanni Garoglio a guidare un’organizzazione prestigiosa come OIV: Luigi Moio è stato eletto Presidente nel corso della XIX^ Assemblea generale del 12 luglio 2021.


[si legge (più o meno) in: 2 minuti]


Professore Ordinario di Enologia e Direttore della Sezione di Scienze della Vite e del Vino presso l’Università di Napoli, Moio guiderà OIV per il prossimo triennio succedendo alla brasiliana Regina Vanderlinde.


foto: website Università degli Studi di Napoli "Federico II"
https://www.docenti.unina.it/#!/professor/4c554947494d4f494f4d4f494c475536304832394633353253/riferimenti

Un personaggio di assoluto riferimento che dal 1998 è esperto scientifico per il Ministero delle Politiche Agricole e in OIV ha già ricoperto cariche importanti come quella di Presidente del Technology Expert Group (2009-2014), Presidente della Commissione Enologia (2015-2018) e poi Vicepresidente nell’ultimo mandato.

foto: website Università degli Studi di Napoli “Federico II”


Uomo conosciutissimo nel mondo dell’enologia e della vitivinicoltura grazie ai suoi lunghi studi sugli aromi e profumi del vino che lo hanno portato a scrivere circa 250 pubblicazioni scientifiche e nel 2016 a pubblicare per Mondadori “Il respiro del vino“, libro di successo assoluto.


Socio dell’Accademia dei Georgofili e dell’Accademia Italiana della Vite e del Vino, nel 2001 ha realizzato il suo sogno di ragazzo dando vita alla cantina Quintodecimo .


https://www.quintodecimo.it/wp-content/uploads/fotog1.jpg
website: Quintodecimo
foto: website Quintodecimo

Nata nel 1924, l’OIV è un’organizzazione intergovernativa tecnico-scientifica composta da 48 Stati membri che presto potrebbe trasferire la sua sede dall’originaria Parigi a Digione.



Le prossime sfide che attenderanno Moio e le varie commissioni neo-costituite saranno essenzialmente 3:


  • Massima attenzione al tema biodiversità
    ovvero il proseguimento di ciò che è recentemente avvenuto con 19 nuove risoluzioni che hanno rimarcato l’importanza non solo della biodiversità ma anche delle corrette pratiche enologiche, della tutela delle IG e delle “good practices” verso i consumatori agli eventi del vino sono al centro delle nuove 19 risoluzioni
  • Lingua russa
    dopo diversi mesi di trattative, il russo è stato adottato dall’OIV e sarà la sesta lingua ufficiale per la comunicazione dell’Organizzazione dell’OIV adottata dopo inglese, francese, spagnolo, tedesco e italiano
  • Congresso Mondiale della Vite e del Vino
    è stata accolta con grande favore la proposta del Messico per organizzare a novembre il 43° Congresso Mondiale della Vite e del Vino che segnerà il ritorno del Congresso OIV dal 2019, dopo la pausa forzata.

foto: Steve Buissinne

Oltre a Luigi Moio come Presidente OIV, l’Assemblea generale ha nominato anche i presidenti delle commissioni scientifiche:


  • Commissione I Viticoltura: Ahmed Altindisli (Turchia)
  • Commissione II Enologia: Fernando Zamora (Spagna)
  • Commissione III Diritto ed Economia: Yvette van der Merwe (Sud Africa)
  • Commissione IV Sicurezza e Salute: Pierre-Louis Teissedre (Francia)
  • Sottocommissione Metodi di analisi: Manuel Humberto Manzano (Argentina)
  • Sottocommissione Prodotti non fermentati, uva da tavola e uva passa: Luís Carlos Ferreira Peres de Sousa (Portogallo)



torna in alto


fonte: OIV

spiritoitaliano.net © 2020-2021



condividi l'articolo su:

a cura della redazione di spiritoitaliano.net