la molecola dello spirito


le ricerche di Rick Strassman sulla DMT, “La molecola dello spirito”, che potrebbe facilitare il movimento dell’anima


Può esistere una sostanza nel nostro corpo che faciliti il movimento dell’anima nelle esperienze di nascita e morte, di meditazione e persino di trascendenza sessuale?


si legge (più o meno) in: 5 minuti


La dimetiltriptammina o DMT è una triptammina psichedelica endogena, presente in molte piante e nel fluido cerebrospinale dell’uomo è presente in molte varietà di piante ed era usata specialmente dai popoli indigeni del Sud America.


Una pratica antichissima, spesso riservata agli sciamani che la utilizzavano nei rituali per entrare in contatto con gli “spiriti” o in pratiche di medicina.


Dimethyltryptamine, struttura chimica – Sbrools, Wikimedia commons (CC BY-SA 2.5)

Una trentina di anni fa il dottor Rick Strassman condusse una ricerca clinica approvata dall’agenzia federale antidroga statunitense, per la quale sperimentò su sessanta volontari la DMT, uno degli psichedelici più noti al mondo.

Si trattò un’indagine straordinariamente avvincente sulla natura della mente umana e sul potenziale terapeutico degli psichedelici.


Basti pensare che la sostanza è costantemente rilasciata nelle esperienze mistiche e nelle cosiddette di “pre-morte“.


Foto di Okan Caliskan

Molti furono i volontari che riferirono di aver avuto incontri con entità intelligenti non umane, in poche parole “aliene”, e che affermarono di aver vissuto una delle più profonde esperienze della loro vita.

La ricerca di Strassman mirava a connettere la DMT con la ghiandola pineale, considerata dagli indù come il luogo del settimo chakra e da Cartesio come la sede dell’anima.


Nel suo libro Strassman, definendola “La molecola dello spirito“, ipotizza che la DMT, rilasciata naturalmente dalla ghiandola pineale (l’epifisi), faciliti il movimento dell’anima dentro e fuori dal corpo e che sia parte integrante delle esperienze di nascita e morte, così come degli stati più alti di meditazione e perfino di trascendenza sessuale.


«Una molecola dello spirito ci conduce verso i reami spirituali. Di solito questi mondi sono invisibili a noi e ai nostri strumenti, e non sono accessibili nel nostro normale stato di coscienza.

Tuttavia, la teoria secondo cui questi mondi esistono “solo nella nostra mente” è tanto probabile quanto quella secondo cui in realtà essi esistono di per sé “fuori” di noi. Se semplicemente cambiassimo la capacità ricevente del nostro cervello, potremmo comprenderli e interagire con essi».

Rick Strassman, “La molecola dello spirito”, SpazioInteriore, 2019


Torna in alto


riproduzione riservata ©


condividi l'articolo su:

Mauro Marrani si è laureato in Lettere all’Università di Firenze e ha redatto numerosi saggi di carattere geostorico pubblicati in molteplici periodici nonché nelle collane I Navigatori Toscani Viaggi ed esplorazioni. Ha partecipato alla redazione dell’atlante Italia, Atlante dei tipi geografici. È autore del volume Il contado fiesolano, plurimillenaria opera d’arte e coautore del volume Vasari Vedutista e Cantagallina e gli Argonauti nel mare Arno.