i cocktail più bevuti nel mondo


La TOP 30 dei cocktail più richiesti nel mondo secondo Drinks International. L’Old fashioned è sempre il più bevuto.


Qual è il vostro cocktail preferito? Secondo voi si trova nelle “top ten” internazionali dei più richiesti?


[si legge (più o meno) in: 4 minuti]


Fondata nel 1972, Drinks International è una rivista dedicata esclusivamente al mercato globale di alcolici, vini e birre e dal 1972 dà notizie e aggiornamenti sui consumi e le tendenze all’interno dell’industria globale delle bevande.


foto: Mae Mu

Drinks International è anche promotrice di 2 concorsi:

  • The Drinks International Travel Retail Excellence Awards
    (premi “Travel Retail” per vendita bevande al dettaglio duty-free con 9 categorie di premi)

Drinks International, come ogni anno, ha stilato la “Top 50” dei cocktail classici più richiesti nei migliori bar del mondo (guarda subito la “top 30”).



Per il settimo anno consecutivo l’Old Fashioned vince la gara ma per la prima volta la sua supremazia pare cedere.


L’anno scorso era stato dichiarato “best seller” dal 35% dei bartender, quest’anno la percentuale è scesa al 23% con il Negroni che lo insidia con il suo 22% (+9% rispetto allo scorso anno).


foto: Sebastian Coman Photography

Ecco la “top 30” dei cocktail classici più richiesti a livello internazionale.


top ten

  1. Old Fashioned
  2. Negroni
  3. Daiquiri
  4. Dry Martini
  5. Margarita
  6. Espresso Martini
  7. Whiskey Sour
  8. Manhattan
  9. Aperol Spritz
  10. Mojito

foto: Klara Kulikova

dall’ 11^ alla 20^ posizione

  1. Bloody Mary
  2. Gimlet
  3. Moscow Mule
  4. Penicillin
  5. Dark ’n’ Stormy
  6. Corpse Reviver
  7. Clover Club
  8. Boulevardier
  9. Mai Tai
  10. Sazerac

foto: Emily Andreeva

dalla 21^ alla 30^

  1. Sazerac
  2. French 75
  3. Paloma
  4. Pisco Sour
  5. Vieux Carré
  6. Americano
  7. Amaretto Sour
  8. Rum Old Fashioned
  9. Gin Fizz
  10. Bramble
  11. Brandy Crusta


Top 50 sul sito Drinks international.



torna in alto




riproduzione riservata ©




condividi l'articolo su:

a cura della redazione di spiritoitaliano.net