firmato firenze e il suo chianti


Siglato il Protocollo di intesa tra il Consorzio Chianti Colli Fiorentini e le Amministrazioni comunali della provincia di Firenze. Importante progetto di valorizzazione.


Firenze e il suo Chianti sono una dicotomia adesso sancita anche nero su bianco.


[si legge (più o meno) in: 3 minuti]


Nel pieno centro della città del Rinascimento, è stato ieri ufficializzato e siglato il Protocollo di intesa tra il Consorzio Chianti Colli Fiorentini e le Amministrazioni comunali della provincia di Firenze.


Sono firme che vanno a decretare la simbiosi fra una città e una denominazione vinicola che da qualche anno sta rilanciandosi con un tangibile miglioramento qualitativo e il recupero della propria storia.


original photo: Daniele Ramirez Manosalva

Nella sala Pegaso di Palazzo Strozzi Sacrati in Piazza Duomo erano presenti ieri il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, l’assessora all’agroalimentare Stefania Saccardi, il presidente del Consorzio Chianti Colli fiorentini Marco Ferretti e i sindaci dei 16 Comuni dell’area fiorentina guidati dal capofila Comune di Bagno a Ripoli, che si è fattivamente mobilitato nei mesi scorsi affinché questo importante accordo si concretizzasse.


foto: PB ©

Il territorio del Chianti Colli Fiorentini copre un’area geografica di 51.300 ettari e oltre al Comune di Bagno a Ripoli con il sindaco Francesco Casini, hanno siglato l’accordo i Comuni di:

  • Barberino Tavarnelle
  • Certaldo
  • Fiesole
  • Figline ed Incisa Val d’Arno
  • Firenze Assessora
  • Impruneta Sindaco
  • Lastra a Signa
  • Montelupo Fiorentino
  • Montespertoli
  • Pelago
  • Pontassieve
  • Reggello
  • Rignano sull’Arno
  • San Casciano Val di Pesa
  • Scandicci

photo courtesy: Consorzio Chianti Colli fiorentini

Sarà quindi un’intesa che punterà fortemente alla promozione sia del prodotto che del territorio dando vita a progetti eno-turistico-culturali distribuiti sotto la simbolica insegna del marzocco, lo storico leone emblema di Firenze e riferimento centrale nel marchio del consorzio.




Fra gli obiettivi:

  • la promozione del marchio del Chianti Colli Fiorentini sul territorio in generale;
  • l’impegno ad includere il Consorzio CCF negli eventi organizzati nei comuni del territorio;
  • l’istallazione di specifica cartellonistica, per la valorizzazione del marchio del Chianti Colli Fiorentini, di tipo turistico ai sensi del codice della strada;
  • la promozione di un evento specifico per la denominazione sul territorio denominato Expo 2022 del Chianti Colli Fiorentini;
  • la riattivazione ed implementazione del “Progetto del Parco Cicloturismo del Chianti Colli Fiorentini”

foto: PB ©

«Il vino – ha detto la vicepresidente e assessora all’agroalimentare Stefania Saccardi – non è solo un prodotto di grande qualità che porta il nome della Toscana nel mondo ma è anche un elemento di valore e di ricchezza del nostro territorio e questo accordo, molto importante, mette insieme il Consorzio del Chianti Colli Fiorentini, ispiratore di questa intesa, e tante amministrazioni comunali che hanno deciso di lavorare insieme alla promozione del territorio e alla promozione del vino.


foto: PB ©

Credo sia un segnale davvero significativo di quanto il vino sia collegato alla bellezza del nostro territorio. In Toscana non si vende solo un prodotto ma un territorio, elemento di attrattività unico e lo dimostra il fatto che l’enoturismo sia diventato importante almeno quanto il turismo tradizionale».


foto: Francesco Romeo

Doverosi, da parte nostra, gli auguri per questa nuova sinergia d’esempio per tanti.




torna in alto


fonte: Ufficio Stampa Chianti Colli fiorentini

spiritoitaliano.net © 2020-2021



a cura della redazione di spiritoitaliano.net