23/9: la giornata del bio


Parlamento, Consiglio e Commissione UE hanno deciso: il 23 settembre sarà la “Giornata europea della produzione biologica”


Tempi sempre più di ecosostenibilità e rispetto della natura. E poi conferenze, progetti e grandi investimenti per la salvaguardia del clima e dell’ambiente.


[si legge (più o meno) in: 4 minuti]


Un altro importante tassello è stato inserito ieri per sorreggere e spingere ancor più forte la sensibilizzazione verso la produzione e il consumo di alimenti genuini.


Parlamento europeo, Consiglio e Commissione UE hanno firmato una dichiarazione congiunta lanciando ufficialmente la “Giornata europea della produzione biologica” da celebrarsi d’ora in poi ogni 23 settembre.


foto: Michael Tampakakis

L’istituzione della data era già stata annunciata a marzo scorso in occasione della presentazione del nuovo piano d’azione per lo sviluppo della produzione biologica.



Una decisione significativa e, se guardiamo all’uva e i suoi derivati, davvero rilevante per l’Italia che, non dimentichiamolo, è la nazione che nel mondo ha la più alta percentuale bio sul totale dei vigneti (leggi l’articolo di agosto).


foto: Fabio Grandis

Il Piano d’azione per lo sviluppo della produzione biologica è nato per contribuire sensibilmente al conseguimento degli obiettivi delle strategie “Dal produttore al consumatore” e “Biodiversità” facendo leva su interventi come la riduzione dell’uso di fertilizzanti, pesticidi e antimicrobici. Nel complesso, sono state proposte 23 azioni (a questo punto è il numero “bio”), strutturate attorno a 3 assi: dare impulso ai consumi, aumentare la produzione e migliorare ulteriormente la sostenibilità del settore.



I dati riportano una serie di importanti benefici da colture e allevamenti bio: circa il 30 % in più di biodiversità nei campi, animali che godono di un livello più elevato di benessere e assumono meno antibiotici, agricoltori con redditi più elevati e più resilienti, i consumatori maggiormente consapevoli grazie al logo biologico dell’UE.



In occasione della cerimonia di ieri per la firma e il lancio dell’iniziativa, Janusz Wojciechowski, Commissario per l’Agricoltura, ha così dichiarato: «Celebriamo la produzione biologica, un tipo sostenibile di agricoltura in cui la produzione alimentare è realizzata in armonia con la natura, la biodiversità e il benessere degli animali. Il 23 settembre è anche l’equinozio d’autunno, in cui il giorno e la notte hanno uguale durata: un simbolo di equilibrio tra agricoltura e ambiente che ben si adatta alla produzione biologica. Sono lieto di poter lanciare, insieme al Parlamento europeo, al Consiglio e agli operatori chiave del settore, questa giornata annuale europea della produzione biologica. Si tratta di una grande opportunità per sensibilizzare in merito alla produzione biologica e promuovere il ruolo chiave che essa svolge nella transizione verso sistemi alimentari sostenibili»


foto: Michael Schwarzenberger

Leggi il comunicato stampa completo




torna in alto


fonte: UE Commission

spiritoitaliano.net © 2020-2021



condividi l'articolo su:

a cura della redazione di spiritoitaliano.net